Comme facette mammeta è una canzone del 1906 scritta da Salvatore Gambardella e Giuseppe Capaldo.
Si classificò seconda al Festival di Piedigrotta, venne interpretata da Antonietta Rispoli al Teatro Eldorado e fu cavallo di battaglia di Elvira Donnarumma.

Elvira Donnarumma

Innumerevoli furono le cover nel corso degli anni, tra cui quella, particolare, in versione rock ‘n’ roll eseguita da I Due Corsari.

Perchè parlare di questa canzone in un sito dedicato alla gastronomia?
Ma perchè i riferimenti alla genuità e alla bellezza dell’amata narrano di cose buone, da mangiare, da assaporare, quante volte avete detto al partner, vi mangerei di baci? :-)…

Ciento rose ‘ncappucciate,
dinta mártula mmescate…
Latte, rose, rose e latte,
te facette ‘ncoppo fatto!…

e ancora:

nu panaro chino, chino,
tutte fravule ‘e ciardino…
Mèle, zuccaro e cannella:
te ‘mpastaje ‘sta vocca bella…

La Rosa volgarmente chiamata incappucciata, è la rosa centifolie, originaria della Persia e da cui si ricava un pregiatissimo olio essenziale
La martula, altri non è che la madia, dove un tempo veniva impastato il pane.

E a proposito di questa canzone la ricetta che voglio proporre è una ricetta conventuale, viene menzionata per la prima volta nel 1540 in occasione della festa dellaM adonna dell’Idria o della rosa, ma forse le origini sono ben più antiche.

In una delle primissime manifestazioni organizzate a Napoli, denominata

Maggio dei monumenti, il mattino, noto quotidiano partenopeo allegava un inserto di poche pagine con le ricette conventuali napoletane questa che vi propongo è tratta dal menu benedettino riproposto nel convento di Napoli 8/9 maggio 1993 San Gregorio Armeno in occasione delle manifestazione Monumenti a Porte aperte

Rosa Centifolia

Un segreto nascosto tra le mura dei conventi napoletani, viene

La ricetta originale prevedeva una farcitura con panna e mirtilli e veniva sfornata dalle benedettine di S. Gregorio Armeno,

Torta di rose e ricotta

Ingredienti
– gr 400 di farina;
– gr 300 di ricotta;
– 3 uova,
– gr 200 di zucchero;
– un bicchiere

di latte;
– la buccia grattugiata di un limone;
– i petali di due rose;
– cinque foglie di menta;
– liquore dolce.

Per la farcitura: panna, mirtilli, succo di limone, una spruzzata di Cognac

Esecuzione:

Sbattete le uova, unite la ricotta, lo zucchero, il latte e la farina versata a pioggia.
Aggiungete quindi la buccia grattugiata del limone, i petali di rosa e le foglie di menta tagliate sottili.
Lavorate bene l’impasto, aggiungete il liquore dolce e versate in una teglia dai bordi alti. Cuocete in forno a calore moderato per 40 minuti.
Lasciate raffreddare, tagliate il dolce a strati a farcitelo con panna, mirtilli, succo di limone e una spruzzata di Cognac. Decorate con petali di rosa.
Conservate in frigo per almeno un’ora prima di servire.

Ed ora
la versione di Pietra Montecorvino, che fa da colonna sonora al trailer di Passione per la regia di John Turturro.



Comme facette mammeta
Quanno mámmeta t’ha fatta,
quanno mámmeta t’ha fatta…
Vuó sapé comme facette?
vuó sapé comme facette?…
Pe’ ‘mpastá sti ccarne belle,
pe’ ‘mpastá sti ccarne belle…
Tutto chello ca mettette?
tutto chello ca mettette?…
Ciento rose ‘ncappucciate,
dinta mártula mmescate…
Latte, rose, rose e latte,
te facette ‘ncoppo fatto!…
Nun c’è bisogno ‘a zingara
p’andiviná, Cuncè’…
Comme t’ha fatto mámmeta,
‘o ssaccio meglio ‘e te!…
E pe’ fá ’sta vocca bella,
e pe’ fá ’sta vocca bella…
Nun servette ‘a stessa dose,
nun servette ‘a stessa dose…
Vuó sapé che nce mettette?
Vuó sapé che nce mettette?…
mo te dico tuttecosa…
mo te dico tuttecosa:
nu panaro chino, chino,
tutte fravule ‘e ciardino…
Mèle, zuccaro e cannella:
te ‘mpastaje ’sta vocca bella…
Nun c’è bisogno ‘a zingara
p’andiviná, Cuncè’…
Comme t’ha fatto mámmeta,
‘o ssaccio meglio ‘e te…
E pe’ fá sti ttrezze d’oro,
e pe’ fá sti ttrezze d’oro…
Mamma toja s’appezzentette,
mamma toja s’appezzentette…
Bella mia, tu qua’ muneta!?
bella mia, tu qua’ muneta!?
Vuó sapé che nce servette?
vuó sapé che nce servette?…
Na miniera sana sana,
tutta fatta a filagrana,
nce vulette pe’ sti ttrezze,

che, a vasá, nun ce sta prezzo!
Nun c’è bisogno ‘a zingara,
p’andiviná, Cuncè’…
comme t’ha fatto mámmeta,
‘o ssaccio meglio ‘e te.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)