Sono curiosa di mio, e spesso, le mie ricerche in rete si svolgono nell’ambito gastronomico, sono una grande appassionata dell’argomento, altrimenti non avrei creato un mio sito, non credete?

Ogni hanno per la Pasqua, tra le ricette classiche,  fanno capolino, deliziose novità, che ben si sposano con la tradizione, la Pastiera alla Quinoa, ne è un esempio

Il sito di riferimento è questo: http://dolci-desserts.masanews.it/article/23563591/pastiera-alla-quinoa

Ma la rielaborazione e l’aggiunta di alcuni ingredienti come ad esempio i canditi, è tutta mia 🙂

La Quinoa
Utilizzata sin dai tempi degli Incas e degli Aztechi, la quinoa (in spagnolo quínoa o quínua) è una pianta erbacea annuale della famiglia delle Chenopodiaceae, come ad esempio gli spinaci o la barbabietola.

Quinoa

Per il suo buon apporto proteico costituisce l’alimento base per le popolazioni andine.
Particolarmente dotato di proprietà nutritive. Contiene fibre e minerali, come fosforo, magnesio, ferro e zinco, ottima fonte di proteine vegetali, contiene inoltre grassi in prevalenza insaturi.

Adatta alla dieta dei celiaci  in quanto è totalmente priva di glutine.

Gli Inca chiamano la quinoa «chisiya mama» che in lingua quechua significa «madre di tutti i semi».

I suoi semi  sono piccoli molto simili a  quelli del miglio, ma più schiacciati, contengono circa il 60% di carboidrati e l’11% di proteine di valore biologico piuttosto alto, addirittura paragonabile a quello dei formaggi.

I suoi semi  sono rivestiti dalla saponina, che li protegge dalle aggressioni degli uccelli e degli insetti. Questa sostanza è molto amara e quindi va rimossa prima della cottura, lavando accuratamente i semi prima di cuocerli.

Un piccolo consiglio per migliorarne il gusto è quello di tostare  i suoi semi  per qualche minuto prima di bollirli . La cottura è veloce, 10-15 minuti in acqua bollente.
Può essere utilizzato come gli altri cereali, per preparare zuppe e minestre, o per accompagnare carne e verdure

Esistono oltre 200 varietà di quinoa. La varietà più utilizzata è la quínoa Real con un basso tenore di saponine. Altre varietà commercializzate sono: Bear, Cherry Vanilla, Cochabamba, dave 407, Gossi, Isluga, Kaslala, Kcoito, Linares, Rainbow, Red faro, Red head (che presenta una buona adattabilità ai climi piovosi), Temuco.

Pastiera alla quinoa

Pastiera alla Quinoa

Ingredienti:
-per la pasta frolla:
– 125g zucchero
– 350g farina
– 125g burro morbido
– 2 uova intere
– 1 tuorli
– buccia grattugiata di un limone
– una puntina di bicarbonato
– una bustina di vanillina

per l’imbottitura
– 300g di quinoa
– 150g di grano (di quello per pastiere)
– 500ml di latte
– 350g ricotta
– 350g di zucchero
– 100g di sugna o di burro
– 5 uova
– la punta di un cucchiaino di cannella
– acqua di fior d’arancio
– qualche chiodo di garofano
– canditi
– vanillina

Esecuzione:
Preparate la pasta frolla. Unite il burro e la farina e lavoratele fino ad ottenere un impasto granuloso. Disponete a fontana e ponete al centro le uova, lo zucchero e la buccia del limone, la vanillina e la puntina di bicarbonato
Lavorate velocemente fino ad ottenere un impasto omogeneo che lascerete riposare in frigo almeno mezz’ora.
In una pentola mettete il latte, la quinoa e il grano.
Appena il latte bollirà, aggiungete il burro, la buccia di limone e una bustina di vanillina.
Lasciate cuocere (rimestando di tanto in tanto), fino a che la quinoa non si sarà cotta del tutto, occorrera’ piu o meno una mezzoretta
Lasciate raffreddare. Ora Stendete la pasta frolla.
Foderate uno stampo per pastiere, dopo averlo rivestito con carta da forno. Praticate dei forellini aiutandovi con i rebbi di una forchetta sul fondo. Lasciate riposare in frigo e, nel frattempo preparerete il ripieno della pastiera alla quinoa.
Lavorate lo zucchero e la ricotta setacciata.
Aggiungete le uova, la cannella e la fialetta di fior d’arancio, qualche chiodo di garofano, i canditi e la vanillina
Aggiungete il grano con la quinoa.
Stendete la pasta frolla avanzata e ricavatene delle striscette.
Versate il composto nello stampo della pastiera e mettete le striscioline.
Cuocete in forno preriscaldato a 170° per circa un’ora (la pastiera deve diventare scura in superficie).
Lasciate raffreddare e servite.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)