AngieCafiero.it

E' inutile versare rum…

Date: 25 giugno 2011

Liquori con il bergamotto

Bergamotto

Bergamino
Ingredienti
– 1/2 litro di alcool
– 6 bergamotti
– 1 limone non trattato
– 1,1/2 litro di acqua
– 500 gr. di zucchero
Esecuzione:
Lavate i bergamotti e con un coltello affilato sbucciateli, cercando di non prendere la parte bianca.
Mettete le bucce in un barattolo e ricopritele con l’alcool.
Chiudete il barattolo ermeticamente e lasciatele in infusione, per una settimana, in un posto fresco e possibilmente al buio.
Dopo questo tempo, mettete in una pentola lo zucchero, l’acqua e la buccia del limone.
Mettete tutto sul fuoco , portate ad ebollizione e fate bollire per 10 minuti.
Levate lo sciroppo dal fuoco, togliete la buccia di limone, mettetelo in un recipiente capiente e lascatelo intiepidire.
Intanto, levate dall’ alcool le bucce di bergamotto e mettetele da parte.
Versate nello sciroppo l’ alcool al bergamotto, mescolate, coprite e fate raffreddare completamente.
Mettete il liquore dentro una bottiglia, tappatela bene e laciatelo riposare per almeno una settimana, poi travasatelo in un’altra bottiglia, attraverso un colino, per filtrarlo.
Le bucce di bergamotto usate, potete farle candite o tenerle da parte, in un barattolo e usarle come profumo.

Elisir del Vescovo
da cookernet
Ingredienti
– scorza di 1 cedro
– buccia di 4 mandarini
– buccia di 5 arance
– buccia di 1 limone
– 20 gocce di essenza d’arancia
– 2 gocce di essenza di limone
– 10 gocce di essenza di bergamotto
– 2 lt. di alcool a 90°
– 1 lt. di acqua
– 1 kg di zucchero

Esecuzione
Grattugiate la scorza del cedro e mettetela a macerare con un litro e mezzo di alcool in un contenitore di vetro.
In un altro contenitore, anch’esso di vetro, mettete le bucce dei mandarini, delle arance e del limone con il mezzo litro di alcool avanzato.
Lasciate in infusione per tre giorni in un luogo buio.
Trascorso il primo periodo di infusione, mischiate i due composti e aggiungetevi le essenze degli agrumi.
Lasciate ancora per un’altra settimana in infusione.

Liquore al Bergamotto - Bergamino

Trascorso anche questo periodo, preparate uno sciroppo con lo zucchero e l’acqua.
Lasciate raffreddare lo sciroppo e quando questo diventerà limpido unitevi l’infuso filtrato, quindi imbottigliare.
Lasciatelo riposare per almeno 3 mesi prima di consumarlo.

Crema di Bergamotto
Ingredienti:
– 6 bergamotti non trattati
– gr. 500 alcool
– 1 litro di latte intero fresco (o a lunga conservazione)
– gr 1000 zucchero

Esecuzione
:
Utilizzate le bucce dei bergamotti e, metteteli in fusione con l’alcool per circa 10 giorni in un recipiente di vetro a chiusura ermetica, Il recipiente va agitato periodicamente.
Preparate uno sciroppo facendo sciogliere lo zucchero con il latte, quando si sarà ben raffreddato unitelo all’alcool dopo averlo filtrato dalle bucce dei bergamotti.
Lasciate questo composto ancora per una settimana nel recipiente di vetro e successivamente imbottogliate.
Servite freddo.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 6.4/10 (5 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)

Il Bergamotto

Area di produzione del bergamotto

Il suo nome scientifico è Citrus Bergamia Risso ed appartiene alla famiglia delle Rutacee, sottofamiglia Mesperidee, genere Citrus.
Il suo frutto è di forma sferica e può raggiungere un peso medio di circa 200 gr., giallo è il colore che assume nella maturazione.

Tre le varietà di Bergamotto, definite in botanica anche “cultivar“, sono:

Femminello
Albero che cresce rapidamente senza raggiungere dimensioni eccessive, molto produttivo, precoce ma poco longevo. Presenta foglie di medio sviluppo e dalla forma lanceolata. I suoi frutti, la cui raccolta inizia a fine ottobre, hanno forma sferica e buccia sottile.

Castagnaro
Albero di lunga vita e buon sviluppo, dalla produzione alternante. Le foglie sono grandi e dalla forma lanceolata mentre i frutti sono globosi, con buccia di medio spessore. La raccolta dei frutti inizia a novembre.

Fantastico
Albero di buon sviluppo, di elevata produzione e rustico. Le foglie sono più grandi delle altre due varietà è i frutti, coltivati nel periodo novembre-dicembre, sono di forma globosa.

La fioritura avviene da Novembre a Marzo, ma il suo Habitat più naturale ed esclusivo è circoscritto nella sottile striscia di terra, lunga poco più di cento chilometri, tra Villa San Giovanni e Monasterace, e compresa tra gli estremi lembi che dall’Aspromonte vanno al verso i mari Jonio e Tirreno, nella provincia di Reggio Calabria, Molti tentativi per cercare di farlo fruttificare nelle varie aree del mondo come la California, Israele, Spagna e Grecia, ma tutti falliti senza alcun successo.
Lui, il bergamotto, non ne vuol proprio sapere e continua a crescere e prolificare in Calabria.
Agrume antico e profumatissimo, viene utilizzato nelle industrie cosmetiche e farmaceutiche ma è poco tenuto in considerazione dai gastronomi. Per quanto sia profumato, questi sostengono che non è commestibile avendo una polpa acidula ed un gusto sgradevole.

Il frutto ha un sapore acidulo (si usa invece per profumare liquori e tè). In passato si tentò in Francia di impiegarlo nella preparazione di determinati biscotti e si ha infatti notizia di alcuni tipi di madeleine servite al famosissimi re di Polonia, Stanislao Leszczynsky, durante un pranzo offerto da Luigi XV.

Tra le ricette ricordiamo il biscotto pazientino, che si produce in alcune località del Piemonte, e, dal 1857, con la sua essenza si producono delle celebri caramelle e dal 1830 si commercializza un profumatissimo thè inglese aromatizzato al Bergamotto di Calabria.
Anticamente il frutto veniva svuotato ed essiccato ed utilizzato nella regione come tabacchiera, in quanto aromatizzava il tabacco e nel contempo ne manteneva la giusta

Olio eesenziale di bergamotto

umidità.

Dal 1999 l’Olio essenziale di Bergamotto di Reggio Calabria ha ottenuto la DOP.
Il frutto è usato anche in gastronomia per preparare il liquore Bergamino, squisiti dolci, confetture e gelatina la fantasia gastronomica non ha limiti, per cui, lo possiamo ritrovare anche nella preparazioni di liquori, muffin e ciambelloni casalinghi.

Sull’origine del nome si sono fatte varie ipotesi. C’è chi lo collega alla città spagnola di Berga e chi lo fa derivare da Pergamo, in Turchia, altri sostengono che deriva dalla città Bergamo dove, la profumazione pare sia stata venduta per la prima volta.
La verità non sarà probabilmente mai conosciuta, così come non si saprà quanto fondamento abbia la storia del moro di Spagna che ne vendette un ramo a Reggio di Calabria per diciotto scudi o quella di un’origine americana della pianta, che sarebbe stata portata in Europa da Colombo in persona.

Consorzio per la Tutela del Bergamotto

Ricette con il bergamotto

Liquori con il Bergamotto

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 1.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)

Ricette con il bergamotto

Ciambella al Bergamotto

Ciambella al Bergamotto

Ingredienti:
– 400 gr. farina
– 200 gr. mandorle spellate
– 350 gr. zucchero a velo
– 100 gr. latte
– 300 gr. burro morbido
– 4 uova
– 1 bustina di lievito
– 100 gr Liquore al bergamotto
– scorza grattugiata di 1 bergamotto
Esecuzione:
Tritate le mandorle molto finemente e mettetele da parte. Lavorate velocemente, con una spatola, il burro morbido con lo zucchero a velo.
Unite tutti gli altri ingredienti escludendo la farina ed il lievito. Mescolate molto bene e, per ultimi, aggiungete la farina ed il lievito setacciati.
Impastate bene in modo da ottenere un impasto consistente ma fluido.
Imburrate ed infarinate uno stampo per ciambelle (oppure potrete mettere l’impasto nei pirottini, per fare delle deliziose merendine).
Infornate (forno moderato a 180°), per circa 40-45 minuti). Sfornate ed una volta fredda ricoprite con zucchero a velo o con della glassa, preparata velocemente mescolando zucchero a velo con il liquore al bergamotto. E’ una ciambella molto buona e il sapore del liquore al bergamotto la rende veramente unica!!!!

Leggi tutto

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 4.0/10 (3 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén