AngieCafiero.it

E' inutile versare rum…

Intervista Gastronomica con gli Ephesar

Ephesar

Ho deciso di intervistare gli Ephesar in ensemble per un po di motivazioni variegate e miste:-)
– mi sono simpatici,
– sono giovani, belli e pieni di voglia di fare, dimostrare e battagliare, e, i giovani sono il nostro futuro, lo dice sempre qualcuno qui, in costiera sorrentina, ma non si mette mai da parte, ahahahaah 😉
– fanno della buona musica, che anche una bacucca come me è riuscita ad ascoltare
–  Adriano e Fabrizio sono i figlioli della regina dell’horror italiano, Simonetta Santamaria
– il Ragù del nonno dei rampolli Fiocco, mi ha fatto veramente commuovere :-), mi è scesa la lacrimuccia, come quella dell’invernizzi Gim
– Adriano mi ha promesso che comporranno un pezzo gastronomico, ed io farò un grande scoop dandone comunicazione all’interno della mia rubrica

Cosa vi racconto di loro?
La loro musica è Gothic Progressive Rock, che non si mangia, ma che vi assicuro è molto buona 🙂
Chi sono, quanti sono, i loro nomi:
Aurora Rosa Savinelli è la voce del gruppo, Fabrizio Flocco alla chitarra, Adriano Flocco alla Batteria, Fulvio Petti al basso e Federico Matrusciano alle tastiere.
Per andare nel dettaglio della Band,  napoletana doc, copio quello che si trova nella loro pagina Facebook

Ephesar

Gli EPHESAR sono una band fondata da Adriano e Fabrizio Flocco nel 2005. Tutti i componenti provengono da studi decennali di musica classica, il che caratterizza le loro composizioni con un sound innovativo e unico nel suo genere. Propongono i loro pezzi in inglese e ora anche in italiano.
Per quanto altro vi interessa conoscere su questi bravissimi ragazzi, anche perchè è importante che apprezziate ed ascoltate i loro pezzi, vi invito a visitare la loro pagina su My Space, e magari mente mettete a palla gli altoparlanti del vostro pc, gustatevi la loro intervista 🙂

Angie: – Quanto conta una buona alimentazione per il vostro lavoro?
Ephesar: – Abbastanza, ci servono molte energie e un’alimentazione veriegata, però fatta anche di molte cose scongelate e, qualche volta, anche crude… senza rimorsi.

Angie: – Avete mai composto o suonato qualche pezzo ispirandovi a qualcosa di gastronomico?
Ephesar: – No, ma potremmo farci un pensierino!

Angie: – Cosa significa per voi mangiar bene?
Ephesar: – Io e Aurora siamo perennemente a dieta, ma per gli altri componenti basta anche solo “mangiare”, il “bene” è facoltativo.

Angie: – Le vostre esperienze artistiche e lavorative?
Ephesar: – Abbiamo faticato tantissimo per arrivare al nostro attuale livello tecnico, compositivo e di feeling tra di noi, e abbiamo ottenuto soddisfacenti risultati. Abbiamo registrato il nostro primo disco, ed ora che abbiamo cambiato nome in Ephesar l’album è stato interamente tradotto in italiano. Abbiamo vinto vari premi in vari eventi, abbiamo aperto i DGM (che ora sono in tour con i Symphony X) e Pino Scotto, siamo stati invitati per due volte al Music Village dove abbiamo avuto a che fare con persone del settore discografico e vari artisti italiani, il nostro brano “Custode Delle Ombre” ci ha portato a Sala Prove di Rock Tv, abbiamo aperto un live ai Rezophonic con Cristina Scabbia dei Lacuna Coil, Eva Poles dei Prozac+, Sasha Torrisi dei Timoria, Alessandro Ranzani dei Movida, e ovviamente anche il mitico Mario Riso con cui abbiamo avuto a che fare molte volte (al Music Village, a Sala Prove, e a vari concerti)… tanto per fare un breve riassunto. Ci sentiamo molto competitivi, e siamo pronti a esplodere!

Angie: – Avete un ristorante o un locale dove preferite andare a mangiare? Se sì, dove?
Ephesar: – Si, il Sea Legend a Licola e il Morrigan al Vomero. In effetti però noi ragazzi ci andiamo più per bere!

Angie: – Siete mai stati a dieta?
Ephesar: – Solo Aurora ed io (che faccio dieta, palestra e jogging, pur rimanendo ogni tanto una buona forchetta). Gli altri non ingrassano e possono strozzarsi quello che vogliono… invidia nera!

Angie: – Meglio carne o pesce?
Ephesar: – Carne vs Pesce =5 a 0.

Simonetta Santamaria in compagnia dei suoi gioielli 🙂

Angie: – Se foste un dolce, quale sareste?
Ephesar: – L’importante è che sia un dolce Rock! Quali siano questi dolci poi non lo sappiamo. Forse lo strudel, mi dicono, oppure qualcosa di aggressivamente… cioccolattoso.

Angie: – Vino?
Ephesar: – Possibilmente rosso, possibilmente buono. Ma noi rockers siamo molto abituati anche ad alcolici “da battaglia”, che si bevono senza troppe pretese.

Angie: – Il vostro punto debole
Ephesar: – Non ne abbiamo, siamo inarrestabili!

Angie: – Nel vostro frigo che cosa non manca mai, e nella dispensa?
Ephesar: – Cose surgelate e birra a palate… e per Aurora thè al limone.

Angie: – L’aspetto che vi attira di più del fare da mangiare e se c’è un piatto che vi piace cucinare di più in assoluto?
Ephesar: – Fabrizio fa una pasta con i borlotti che è la fine del mondo! In effetti forse è perchè è l’unico di noi a saper cucinare!

Angie: – E quello che vi piace mangiare?
Ephesar: – Pasta alla boscaiola per primo, carne alla brace per secondo e un buon vino rosso. Ma tanto io sono a dieta… altrimenti stilerei una bella lista!

Angie: – Come vi definireste a tavola?
Ephesar: – Squali a digiuno. Tranne Aurora ed io… stupida maledettissima dieta.

Angie: – La colazione ideale e quella che invece normalmente fate?
Ephesar: – Variegata, 300-350 kilocalorie sono già sufficienti, meglio non andare oltre. Io e Aurora mangiamo cereali integrali… gli altri, ovviamente, mangiano qualsiasi cosa, come Federico che praticamente comincia la giornata con un altro pranzo!

Angie: – Di cosa siete più golosi? e cosa proprio non vi piace?
Ephesar: – Principalmente carne, pasta e patate. Fulvio praticamente non mangia niente di verde, Aurora ed io odiamo il baccalà e le ostriche, Federico i peperoni e Fabri è uno dei pochi esseri umani a cui non piace la cioccolata.

Patate al Forno

Angie: – La cucina e’ fatta anche di profumi, essenze, odori, ne avete uno preferito?
Ephesar: – Per Aurora lo zafferano, per Federico l’odore del pollo arrosto, per Fulvio aglio e cipolla, io e mio fratello Fabri andiamo matti per le patate al forno! Il loro odore è come un richiamo. Se venisse usato per una trappola ci cadremmo senza dubbio, come Ciuchino in Shrek 4 con i waffles.

Angie: – Non potete vivere senza…
Ephesar: – BIRRAAAAAAAAAAAAAAA!!! …e thè al limone per Aurora.

Angie: – Esiste un legame tra cucina e sensualità? Che cosa secondo voi conta di più nel sedurre una donna? Una buona cena, o anche il saper cucinare
Ephesar: – Personalmente credo che oltre a una buona cena bisogna curare molto i dettagli della serata: bel vestito, una tavola ben arredata, con colori caldi, imbandita in modo ordinato, una candela al centro, una musica jazz di sottofondo… alle donne piace vedere un uomo che non trascura i dettagli e che si impegna per loro. Dipende sempre dal caso, ma direi che le nostre amate cose surgelate sono da evitare!

Angie: – Una vostra ricetta per i miei lettori

Fabrizio Flocco

Ephesar: – Un buon sugo (ricetta di mio nonno), dettato dal nostro chef ufficiale Fabrizio:
– Riempire il fondo di una pentola con olio extravergine, riscaldare bene.
-Tagliare molto sottile una cipolla grande e 2 spicchi d’aglio e metterli nell’olio già caldo.
-Aggiungere 1/3 di bicchiere d’acqua, mescolare spesso e ridurre il fuoco; far evaporare l’acqua e rosolare.
-Versare una bottiglia di salsa passata e mescolare.
-Aggiungere mezzo cucchiaino di sale fino, mantenere la cottura a fuoco lento.
-Aggiungere un dado da brodo di carne.
-Aggiungere 100g di carne di maiale, mezza scatoletta di piselli medi e una carotina sbucciata tagliata a fettine.
-Aggiungere una noce di burro o margarina e un po’ di pepe nero.
-Far bollire a fuoco lento per 15 minuti mescolando ogni tanto.
-Aggiungere un barattolo di polpa di pomodoro ed un pugno di basilico fresco.
-Far cuocere altri 5 minuti.
-Aggiungere una spruzzata di parmigiano, mescolare e spegnere il fuoco.
-Buon appetito 🙂

Angie: – L’ultimo libro che avete letto?
Ephesar: – Fulvio: “Lo scudo di Talos” di Valerio Massimo Manfredi; Federico: “Il suono di mille silenzi” di EmmaLa Spina; Aurora: “Le lacrime del diavolo” di Jeffrey Deaver; Fabrizio: “La Camera Oscura” di Roland Barthes; Io (Adriano): “Dove il silenzio muore” di Simonetta Santamaria.

Angie: – Il pezzo musicale che vi mette in moto i succhi gastrici…
Ephesar: – Per digerire in fase di relax un bell’album di musica d’orchestra/colonna sonora, per vomitare invece qualsiasi cosa di house o di neomelodico, o di uno di questi soliti cantanti solisti moderni (frequenti in Italia in maniera “nauseante”, tanto per rimanere in tema).

Angie: – Hobby?
Ephesar: – Io il jogging, il web design, graphic design e fotomontaggio; Fabrizio sa usare i programmi di grafica 3D, ed entrambi facciamo palestra; a Fulvio piace informarsi sulle auto sportive; Aurora scrive poesie; Federico ama guardare molti film, anche “impegnativi”.

Thor, Dio del Tuono

Angie: – Se foste dei un personaggi mitologici chi sareste?
Ephesar: – Io Thor, senza dubbio! Fulvio ha scelto Ulisse. Aurora la dea Atena, Fabrizio Ercole… Federico invece Barney Stinson della serie “How I Met Your Mother”.

Angie: – Qual è il sogno più grande?
Ephesar: – Vivere di musica, della nostra musica, di vivere sempre uniti e lavorare tanto.

Angie: – Cosa vi dicono più spesso?
Ephesar: – “Perchè non provate a cantare in italiano?”, in effetti alla fine è quello che abbiamo fatto.

Angie: – Vi fidanzereste con una cuoca?
Ephesar: – Ovvio, purchè sia gnocca!

Angie: – Un piatto della vostra infanzia?
Ephesar: – Per Aurora lo zabaione, per Fulvio pasta e zucchine, per Fede pasta con le fave, per me il mitico sugo di mio nonno… Fabrizio invece ha saggiamente risposto l’omogeneizzato!

Angie: – Oggi si parla di federalismo. Secondo voi, esiste anche in cucina?
Ephesar: – A Milano, quando siamo andati a Sala Prove di Rock Tv abbiamo mangiato una pizza abbastanza decente… non c’è niente di male nel far varcare i confini alle ricette regionali, purchè ne siano culturalmente riconosciute le provenienze! La pizza si mangia in tutto il mondo, ma tutto il mondo deve sapere che l’abbiamo inventata noi! Beh, non “noi” della band, se fossimo stati noi… non staremmo qui!

spaghetti al pomodoro

Angie: – Quale piatto eleggereste come simbolo dei 150 anni dell’Unità d’Italia?
Ephesar: – Un piatto di spaghetti col pomodorino fresco! Anche in America si chiamano spaghetti, senza traduzione. Forse è il piatto italiano più famoso nel mondo, insieme alla pizza.

Angie: – Dopo la cucina italia, c’e’ ne qualcuna internazionale che preferite? Se si’, quale?
Ephesar: – Io penso che la cucina è forse l’unica cosa in cui l’Italia è assolutamente imbattibile! Ogni regione, città, provincia, paesino o singola attività ha qualcosa di tipico e di unico al mondo. Gli altri paesi se la sognano la quantità di specialità culinarie della nostra terra! Mio fratello però va pazzo per la cucina giapponese… bah, contento lui!

Angie: – A quali altri progetti vi state dedicando in questo periodo?
Ephesar: – Io e Fabrizio non siamo distanti dal laurearci in grafica, io mi occupo di web design e lui di grafica 3D. Fulvio attualmente studia ingegneria aerospaziale.

Angie: – Come definireste il vostro carattere, da un punto di vista prettamente gastronomico?
Ephesar: – Mmm… Fabrizio si definisce “al dente”; Fulvio “mantecato”; Aurora “piccante”; io “succulento”; Federico “gustoso”.

Angie: – A che piatto paragoneresti Berlusconi? e Di Pietro?
Ephesar: – Berlusconi niente di particolare, di sicuro un piatto col condimento scaduto. Di Pietro? Un piatto… insipido.

Angie: – La cucina vi ha mai tradito?
Ephesar: – Una delle ultime volte che sono andato in sala prove mi sono sentito male, probabilmente per il pesce spada che ho mangiato prima di scendere… in genere mi piace e non mi ha mai fatto male, ma quella volta mi sono sentito tradito! Lo stesso vale per la pasta e patate, una delle mie preferite… una volta mi ha fatto stare così male che ora ho paura di mangiarla! Aurora invece è stata tradita dalla carne alla brace… ha passato una notte da incubo. Fulvio a Londra ha mangiato una bistecca che per qualche motivo gli ha fatto venire il singhiozzo… lui si imbestialiva e noi gli ridevamo addosso!

Angie: – Se doveste riassumere la vostra filosofia di vita?
Ephesar: – Veniamo al mondo per un

Ephesar

gran colpo di fortuna, e dobbiamo far tesoro di questo. Non bisogna mai accontentarsi, bisogna fregarsene delle persone che ti vogliono ostacolare o dissuadere dal perseguire i tuoi sogni, l’arrendersi non esiste, esiste solo farsi un mazzo tanto! L’unica cosa che importa è avere degli obiettivi, e fare di tutto perchè vengano raggiunti, ogni alternativa significa “accontentarsi”, e la vita è un dono troppo raro e troppo breve per essere vissuto così. Io adoro il detto “Riempite le vostre giornate di vita, non la vita di giornate”, e poi concludo con una mia personale massima al quale tengo molto e rispecchia un mio modo di vivere: “Avere uno stile non significa distinguersi dagli altri, ma riconoscere sè stessi”.

Angie: – Classica domanda alla Marzullo: Fatevi una domanda e datevi una risposta.
Ephesar: – DOMANDA: “Se ci chiedessero di farci una domanda e di darci una relativa risposta, quale domanda ci porremmo?” / RISPOSTA: “Questa!”

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (3 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +3 (from 3 votes)
Intervista Gastronomica con gli Ephesar, 10.0 out of 10 based on 3 ratings

Previous

Intervista Gastronomica a Patrizia Rinaldi

Next

Un Malefico Chili

2 Comments

  1. Ciao Angie!! E’ stato divertente rileggere il tutto 🙂
    Grazie ancora per questa spassosa intervista, ci sentiamo!!

    Un grazie anche ai lettori!

    by
    Adrian

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 5.0/5 (2 votes cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  2. Silvia

    Troppo carina! Ho riso tutto il tempo! Il thè al limone per Aurora xD No ma poi Barney Stinson ha vinto.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 5.0/5 (2 votes cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)

Lascia un commento

Connect with Facebook

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén