Il Bicchinotto o Bucchinotto del Cavalcanti e la versione riveduta e corretta dei pasticcieri metesi

Del Bicchinotto o Bocconotto ce ne parla Ippolito Cavalcantinella suo preziosissimo trattato di Cucina teorico-pratica, qui di sotto la sua ricetta integrale ed in lingua napoletana.

Bicchinotto o Bucchinotto

Spieghiamo innanzitutto il perche’ di questo nome con gli amici di vesuvioweb che lo descrivono cosi’: Pasticcino, pastarella di piccola dimensione, per un sol boccone.
Un dischetto di pasta sfoglia, sopra marmellata o crema, chiuso a mezzaluna e cotto al forno.

Ma Meta, il ridente paesello della penisola sorrentina da cui provengo, è conosciuta per la sua golosità, soprattutto quella delle donne, noto il proverbio locale che recita piu’ o meno cosi’ : “‘e femmene ‘e meta so cannarute se magnano ‘ maccurune ca ciuculata n’goppa”

Per cui i pasticcieri del posto lo hanno modificato e mica si potevano accontentare di una leccornia così semplice, e fu cosi’ che vennero aggiunte pasta di mandorle e crema pasticciera, spolverizzata con zucchero a velo.

Ingredienti:
- 890 gr. di farina,
- 450 gr. di zucchero e sugna,
- 12 uova,
- 300 gr. di marmellata di amarena,
- un poco di sale.

Esecuzione:
Piglia nu ruotalo de sciora, miezo de zucche­ro e miezo de ‘nzogna, dodici rosso d’ova, un pucurillo de sale, e ‘mpasta buono, stenna chesta pasta con lo laniauturo, ne farraje na pettola doppia quanno a nu dudece carlino e furmarraje lì bichinotti dint’a llaforme, ‘nge miette la’mbuttunatura d’amarene, po’ l’auta pasta e accussì farraje li bicchinotte, li farraje cocere ‘a lu fumo e pò lli sfurnarraje acconggiannoli d’into a lo piatto.

Pasticcetto alla crema ed amarene sorrentino

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)
Il Bicchinotto o Bucchinotto del Cavalcanti e la versione riveduta e corretta dei pasticcieri metesi, 10.0 out of 10 based on 1 rating

Lascia un Commento