San Biagio, tra i tanti paesi di cui è patrono, lo è anche di Cavriana in provincia di Mantova, dove in occasione della sua ricorrenza viene preparata una torta che porta il suo nome: la Torta di San Biagio di Cavriana che viene preparato tradizionalmente in

Cavriana - Fiera di san Biagio

Cavriana – Fiera di san Biagio

occasione della festività del santo.

E’ un dolce dal sapore di mandorle e cioccolato, di forma circolare l’impasto, non è lievitato, ed è caratterizzato da una consistenza friabile.
Sulla superficie, le strisce ricavate dall’avanzo della pasta usata per foderare la tortiera, disegnano dei rombi sotto i quali si può riconoscere il colore scuro del ripieno.

In origine la torta a base di mandorle pare che avesse un diametro di oltre tre metri,  veniva poi tagliata ed offerta al pubblico convenuto in Piazza Castello.

La Regina Anna d’Austra moglie di Luigi XIII

La tradizione narra che questo dolce dal sapore così particolare fu inventato dalle donne cavrianesi per donarlo alla Regina Anna, moglie di Luigi XIII, per tramite dei cuochi francesi che il re aveva mandato nel Ducato Mantovano ad imparare nuove ricette per le feste di corte.

Ingrediente principe di questo dolce sono le mandorle di Cavriana, apprezzate e considerate afrodisiache già dalla Corte dei Gonzaga, che ogni anno, all’inizio dell’inverno, ne acquistavano grosse quantità da usare durante le feste con i cortigiani.

Durante la Fiera di San Biagio, a inizio Febbraio, nella piazza principale di Cavriana viene esposta un’enorme Torta di San Biagio che come vuole la centenaria tradizione viene tagliata e distribuita ai visitatori della festa.

La maxi torta che ogni anno viene preparata nella piazza del paese di Cavriana  in occasione di san Biagio

Ingredienti:
Per la Pasta:
– 250 g di farina di frumento
– 100 gr zucchero semolato
– 100 gr di strutto (o burro)
– buccia di limone grattuggiata
– vino bianco per impastare q.b.
– vanillina

Per il ripieno:
– 100 gr di mandorle
– 100 gr di zucchero semolato
– 1     uovo intero
– 15   gr di cioccolato fondente grattuggiato
– 3     amaretti sbriciolati
– succo di limone

Torta di san Biagio di Cavriana

– anice o rhum

Esecuzione:
Preparare la pasta frolla unendo farina, zucchero, strutto (o burro), vanillina e scorza di limone; aggiungere poco vino bianco per volta, quanto basta per ottenere un impasto compatto. Formare una palla e lasciare riposare.
Preparare il ripieno tritando le mandorle, aggiungere il cioccolato tritato, gli amaretti sbriciolati, lo zucchero, l’uovo, il succo di limone e poca  anice o rhum per aromatizzare. Dopo aver amalgamato bene il tutto fare riposare per alcune ore in un luogo fresco.
Versare il ripieno preparato nella teglia e con la pasta rimasta tagliare delle strisce e stenderle sopra il ripieno, come per una crostata.
Cuocere in forno a 180° C precedentemente risalcadato per circa 50 minuti.
ricetta tratta dal sito Dulcissima 

1

Le Tradizioni di san Biagio

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.5/10 (8 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)
La Torta di san Biagio di Cavriana, 5.5 out of 10 based on 8 ratings