direi che comunque prediligerei una cucina brulla e arcaica, come le vicende letterarie che cerco di allestire.