AngieCafiero.it

E' inutile versare rum…

Tag: candelora

Le Tradizioni della Candelora

Il 2 febbraio la Chiesa Cattolica celebra la Presentazione del Signore,  anche detta della Purificazione di Maria, poiché, secondo l’usanza ebraica, una donna era considerata impura per un periodo di 40 giorni dopo il parto di un maschio e doveva andare al Tempio per purificarsi ed il 2 febbraio cade appunto 40 giorni dopo il 25 dicembre, giorno della nascita di Gesù.

Presentazione di Gesù al Tempio

Presentazione di Gesù al Tempio

Popolarmente è  chiamata festa della Candelora, poiché in questo giorno vengono benedette le candele, simbolo di Cristo “luce per illuminare le genti”, il bambino Gesù venne chiamato dal vecchio Simeone al momento della presentazione al Tempio di Gerusalemme, che era prescritta dalla Legge giudaica per i primogeniti maschi. Nunc dimittis è il Cantico di Simeone con il quale chiede congedo a Dio perché ha finalmente potuto vedere il Cristo.
Solo nel VII secolo la Chiesa Romana adattò questa celebrazione al 2 febbraio in una festa che già  veniva celebrata in Oriente fin

Leggi tutto

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

La Crepes (crêpe) della Candelora

La crêpe è un tipo di cialda sottile, morbida ed elastica, cotta su una superficie rovente tonda, farcite di ripieni vari, dolci o salati vengono arrotolate su se stesse per racchiuderli.

crepes

L’impasto viene realizzato con latte, uova, farina.
Notoriamente sono il simbolo della cucina francese, ma preparazioni simili sono presenti in vari paesi d’Europa.
Il nome, francese, deriva dal termine latino crispus (arricciato, ondulato).
Le crêpes condividono le origini di altre preparazioni a cialda e delle gauffres, ma l’attuale preparazione con la farina di frumento divenne comune solo nel IX secolo.

Leggi tutto

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 4.8/10 (5 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

Le Tradizioni della Candelora – 2

precedente
Sebastiano Pauli, nel suo libro intitolato “Modi di dire toscani ricercati nella loro origine“, dà una spiegazione decisamente bellica a questo modo di dire, secondo l’autore, infatti, tale espressione linguistica deriverebbe da un problema logistico in tempo di guerra: era necessità, verso la fine di gennaio di molti anni fa, di far passare un cannone

Giorni della Merla

Giorni della Merla

chiamato la ‘Merla’ al di là da un fiume.
Il grande freddo di quei giorni ne fece gelare le acque offrendo così un’occasione per risolvere il problema del trasporto.
Ma perché si dice che questi sono i giorni più freddi dell’inverno?

Leggi tutto

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén