Roberta Deiana

Roberta Deiana si divide tra tra blog, libri e food styling, tutto quello che volete sapere di lei e’ scritto nel suo blog Confessions of a Food Stylist

Piccolo ricettario per cuochi perdigiorno pubblicato per Bietti è un divertissement scanzonato, in piena sintonia con lo spirito buontempone che anima il suo blog.

Un insolito ricettario classico con qualche tocco creativo e l’ho spennellato in tutte le sue parti (tutte le ricette, incluse anche introduzione e prefazioni) con una serie di linguaggi specifici oppure con dei modi narrativi molto lontani dalla cucina. Poi  ho mescolato bene e ho lasciato insaporire il tutto per qualche mesetto.

Sono 73, con stile fortemente letterario.
Perché, come insegna Queneau, lo stile è la base del comunicare, la sua forza e il suo divertimento.  Roberta Deiana – appassionata food stylist, cuoca e blogger – non ha resistito alla tentazione di raccontare queste ricette riprendendo qualcosa dell’esistere, perché è lì che il cibo si colloca, tra una canzone e le pagine di un romanzo, l’oroscopo del giorno e l’annuncio commerciale, un atto d’accusa e il dialogo tra madre e bambina. Leggendo il Piccolo ricettario per cuochi perdigiorno (Edizioni Bietti, 313 pagg., 16 euro) ci si diverte, incontrando la ricetta dello zabaione in forma di sms, i fiori di zucca mischiati al palinsesto televisivo e, giusto per stare in tema, “E.R. – Emergenza Ripieno”.
Ci sono le canzoni di Paolo Conte, di Francesco Guccini e di Laura Pausini, i ritmi rap dell’Insalata di Natale, il curriculum vitae “Margherita Pizza”, il telegramma “Lessato borlotti”, la telepromozione “Mangia anche tu le lasagne A modo mio” e il decreto legislativo. Bellissimo l’Haiku del pane dorato, ma anche l’insa_riso 1.0. A questa immersione forte in ricette che, in realtà, sono preparati molto semplici, e che rimanda di continuo tra parola e alimento, si arriva ben preparati. Infatti la premessa è in forma di lista da dieci comandamenti (le mie preferite…), e raccomanda le cose da sperimentare in cucina almeno una volta nella vita, quelle che non dovrebbero mancare mai nel frigo e quelle che non mancano mai (la differenza non è poca…), gli utensili che si trovano e quelli che non si trovano, i piaceri feticisti (potrei citarne qualcuno, ma preferisco che l’elenco rimanga intonso per chi lo leggerà). Qualcosa della tradizione, come i dieci proverbi sul cibo e le cose che si dicono dei cuochi. Infine un po’ di tendenza: le dieci spezie che fanno subito fusion e i dieci nomi di pesci per sushi.

Leggi tutto

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)